Studio

Riassunto dell’ “Executive Summary” dello studio “Confronto dei prezzi di diverse forme terapeutiche contro l’enuresi notturna”

L’enuresi notturna si verifica quando bambini oltre il quinto anno di età fanno pipì a letto almeno due notti al mese

  • L’enuresi notturna è il disturbo più frequente durante l’infanzia. Solo in Svizzera ne sono colpiti circa 70.000 bambini all’anno.
  • Con una terapia a base di dermopressina le percentuali di recidiva sono molto elevate, mentre i sistemi di allarme, per oltre la metà dei bambini, portano a un regresso dell’enuresi notturna durante il trattamento e anche dopo la sua interruzione, e sono quindi chiaramente più duraturi.
  • Anche includendo il successo della terapia nell’analisi, i dispositivi di allarme si dimostrano assai più economici delle terapie farmacologiche.
  • Attualmente in Svizzera vengono spesi circa 27,4 milioni di franchi all’anno per la terapia dell’enuresi: se per il trattamento fossero usati esclusivamente i dispositivi di allarme RAPIDO-SEC®, si otterrebbe una riduzione annua dei costi dell’ammontare di 12 milioni di franchi (+44%).
  • Ancora più impressionante è che oltre alla riduzione dei costi ci sarebbero quasi il doppio di persone “asciutte” (21.000) rispetto alla situazione attuale.



 

Per riassumere
I trattamenti con i dispositivi di sveglia promettono un maggior successo a lungo termine rispetto alle terapie farmacologiche (soprattutto percentuale di recidive molto minore).
L’analisi sull’efficacia dei costi mostra chiaramente che il trattamento con dispositivo di sveglia è anche il più conveniente.